Home / Medicina / Coma: Cos’è, sintomi, cause e trattamenti.

Coma: Cos’è, sintomi, cause e trattamenti.

Il coma è uno stato profondo di incoscienza. Può accadere a seguito di un incidente traumatico, come un colpo alla testa o una condizione medica, ad esempio, alcuni tipi di infezione.

Il coma è diverso dal sonno perché la persona non è in grado di svegliarsi.

Non è la stessa della morte cerebrale. La persona è viva, ma non può rispondere in modo normale al loro ambiente.

Che siano consapevoli o no, o quante persone siano coscienti durante il coma o il livello di coscienza, è una domanda che gli scienziati stanno attualmente studiando.

I livelli di coscienza e reattività dipenderanno da quanta parte del cervello funziona. Un coma dura spesso per alcuni giorni o settimane. Raramente, può durare per diversi anni.

Se una persona entra in coma, questa è un’emergenza medica. Potrebbe essere necessaria un’azione rapida per preservare la vita e le funzioni cerebrali.

Dati di fatto in coma

  • Durante un coma, una persona non reagisce agli stimoli esterni e non mostrerà le normali risposte di riflesso.
  • I pazienti in stato comatoso non hanno cicli sonno-veglia.
  • Le cause di un coma comprendono intossicazione, malattia del sistema nervoso, malattia metabolica, infezioni o ictus .
  • A seconda della causa e dell’entità del danno, un coma può verificarsi rapidamente o gradualmente e può durare da alcuni giorni a diversi anni, anche se la maggior parte dura da giorni a settimane.

Cos’è un coma?

Un coma

Un coma è uno stato di profonda incoscienza.

Una persona che sta vivendo un coma non può essere risvegliata e non reagisce all’ambiente circostante. Non rispondono al dolore, alla luce o al suono nel solito modo e non fanno azioni volontarie.

Anche se non si svegliano, il loro corpo segue i normali schemi di sonno. Le funzioni automatiche, come la respirazione e la circolazione, normalmente continuano a funzionare, ma l’abilità di pensiero della persona viene soppressa.

Secondo il National Institutes of Neurological Disorders and Stroke (NINDS), la persona può talvolta fare una smorfia, ridere o piangere come riflesso.

Il coma può verificarsi per vari motivi, come l’intossicazione, una malattia o un’infezione che colpisce il sistema nervoso centrale (SNC), una lesione grave e l’ipossia o la mancanza di ossigeno.

A volte, un medico indurrà un coma usando i farmaci, ad esempio, per proteggere il paziente da un intenso dolore durante un processo di guarigione, o per preservare la funzione cerebrale più elevata in seguito a un’altra forma di trauma cerebrale.

Un coma di solito non dura più di qualche settimana. Se le condizioni del paziente non cambiano dopo un periodo prolungato, può essere riclassificato come stato vegetativo persistente.

Se uno stato vegetativo persistente dura per mesi, è improbabile che la persona si svegli.

Sintomi

Durante un coma, una persona non può comunicare, quindi la diagnosi avviene attraverso i segni esteriori.

Questi includono:

  • occhi chiusi
  • arti che non rispondono o si muovono volontariamente, tranne che per i movimenti riflessi
  • mancanza di risposta a stimoli dolorosi, ad eccezione dei movimenti riflessi

Quanto tempo ci vorrà per svilupparsi, e per quanto tempo continueranno, dipenderà dalla causa sottostante.

Prima di entrare in coma, una persona con un peggioramento dell’ipoglicemia (basso livello di zucchero nel sangue) o ipercapnia (livelli di CO2 nel sangue più alti), ad esempio, sperimenterà prima lieve agitazione. Senza trattamento, la loro capacità di pensare chiaramente diminuirà gradualmente. Alla fine, perderanno coscienza.

Se un coma risulta da una grave lesione al cervello o da un’emorragia subaracnoidea, i sintomi possono comparire improvvisamente.

Chiunque sia con la persona dovrebbe cercare di ricordare ciò che è accaduto poco prima dell’inizio del coma, perché queste informazioni aiuteranno a determinare la causa sottostante e dare un’idea migliore di quale trattamento applicare.

Riconoscendo i sintomi

Un primo soccorritore può iniziare usando la scala AVPU, provare a misurare il livello di coscienza.

La scala AVPU esamina le seguenti aree:

Alertness : quanto è attenta la persona?

Stimoli vocali : rispondono alla voce di un’altra persona?

Stimoli dolorosi : rispondono al dolore?

Inconscio : sono coscienti?

L’allarme è lo stato più consapevole e l’inconscio è il minimo. Questo aiuta il professionista della salute a valutare se è probabile che si tratti di un’emergenza. Se la persona è attenta, non vi è alcun rischio di coma.

In ospedale, i medici possono applicare la scala del coma di Glasgow (GCS) per valutare le condizioni della persona in modo più dettagliato.

I pazienti con profonda incoscienza possono essere a rischio di asfissia. Potrebbe aver bisogno di aiuto medico per proteggere le vie aeree e assicurarsi che continuino a respirare. Questo potrebbe essere un tubo che passa attraverso il naso o la bocca, nei polmoni.

Una persona può sentire e pensare quando è in coma?

il medico tiene la mano della donna

Una persona in coma può trarre beneficio dalla stimolazione sensoriale, come tenere una mano.

Ci sono alcune prove che le persone possono ascoltare e capire le istruzioni vocali durante un coma.

Nel 2011, i neuroscienziati che utilizzano la tecnologia di scansione fMRI hanno osservato l’attività cerebrale in un uomo che era stato in coma per 12 anni dopo un incidente stradale.

Ad esempio, quando chiesero all’uomo di immaginare che stesse giocando a tennis o girando per casa sua, la sua attività cerebrale rifletteva che stava pensando di fare queste cose.

Gli scienziati ora credono che il 15-20% delle persone in un cosiddetto stato vegetativo possa essere pienamente cosciente. I progressi della tecnologia significano che siamo in grado di capire meglio ciò che le persone stanno vivendo durante un coma.

Una persona che sta visitando un amico o un familiare che è in coma può parlare con loro come normalmente farebbe, ad esempio, spiegando cosa è successo durante il giorno. Non è chiaro quanto possano capire, ma c’è una possibilità che la persona possa essere in grado di ascoltare e capire. A loro potrebbe piacere ascoltare la musica.

La ricerca ha anche suggerito che stimolare i sensi del tatto, dell’olfatto, del suono e della vista può aiutare la persona a guarire. Un visitatore può aiutare indossando un profumo preferito o tenendo la mano della persona.

Le cause

Le cause o le coma variano, ma tutte implicano un certo livello di danno al cervello o al SNC.

Loro includono:

Diabete : se i livelli di zucchero nel sangue di una persona con diabete aumentano troppo, questa è nota come iperglicemia. Se diventano troppo bassi, questa è l’ipoglicemia. Se l’iperglicemia o l’ipoglicemia continuano per troppo tempo, può verificarsi un coma.

Ipossia o mancanza di ossigeno : se la fornitura di ossigeno al cervello viene ridotta o interrotta, ad esempio, durante un infarto , un ictus o vicino all’annegamento, può verificarsi un coma.

Infezioni : grave infiammazione del cervello, del midollo spinale o dei tessuti che circondano il cervello possono provocare il coma. Gli esempi includono encefalite o meningite .

Tossine e overdose di farmaci : l’esposizione al monossido di carbonio può causare danni al cervello e coma, così come alcune overdose di droga.

Lesioni cerebrali traumatiche : incidenti stradali, lesioni sportive e attacchi violenti che comportano un colpo alla testa possono causare il coma.

Diagnosi

Una storia medica e recente, esami del sangue, test fisici e scansioni di immagini possono aiutare a scoprire la causa di un coma e questo aiuta a decidere quale trattamento applicare.

Storia medica

Amici, familiari, polizia e testimoni, se del caso, possono chiedere:

  • se il coma o sintomi in anticipo iniziato lentamente o improvvisamente
  • se la persona aveva o sembrava avere problemi di vista, vertigini, torpore o torpore prima del coma
  • se il paziente ha il diabete, qualsiasi storia di convulsioni o ictus, o qualsiasi altra condizione o malattia
  • quali farmaci o altre sostanze il paziente potrebbe essere stato preso

Test fisici

Lo scopo è quello di verificare i riflessi della persona, come rispondono al dolore e le dimensioni della pupilla. I test possono coinvolgere spruzzando acqua molto fredda o calda nei canali uditivi.

Questi test innescheranno vari movimenti riflessivi dell’occhio. Il tipo di risposta varia in base alla causa del coma.

Analisi del sangue

Questi saranno presi per determinare:

  • emocromo
  • segni di avvelenamento da monossido di carbonio
  • presenza e livelli di droghe legali o illegali o di altre sostanze
  • livelli di elettroliti
  • livelli di glucosio
  • funzione epatica

Puntura lombare (spinale)

Questo può controllare eventuali infezioni o disturbi del sistema nervoso centrale. Il medico inserisce un ago nel canale spinale del paziente, misura la pressione ed estrae il fluido da inviare per i test.

Scansioni di immagini del cervello

Questi aiuteranno a determinare se ci sono lesioni cerebrali o danni, e dove. Una scansione TC o CAT o una risonanza magnetica verificheranno eventuali blocchi o altre anomalie. Un’elettroencefalogramma (EEG) misurerà l’attività elettrica all’interno del cervello.

Scala di Coma di Glasgow

La Glasgow Coma Scale (GCS) può essere utilizzata per valutare la gravità del danno cerebrale a seguito di un trauma cranico.

Dà ai pazienti un punteggio, in base alle risposte verbali, alle risposte fisiche e alla facilità con cui possono aprire gli occhi.

Occhi : I punteggi vanno da 1 a 4, dove 1 è quando una persona non apre gli occhi, 2 è quando aprono gli occhi in risposta al dolore, 3 è quando li aprono in risposta alla voce, e 4 è quando si aprono loro spontaneamente.

Verbale : i punteggi vanno da 1 a 5, dove 1 significa che la persona non emette suoni, 2 significa che borbottano ma non possono essere capiti, 3 è quando pronunciano parole inappropriate, 4 è quando parlano ma sono confusi e 5 è normale comunicazione.

Motor o riflessi fisici : i punteggi vanno da 1 a 6 e da 1 a 5 descrivono la risposta di una persona al dolore. Una persona che segna 1 non fa movimento, 2 è quando raddrizzano un arto in risposta al dolore, 3 è quando reagiscono in modo insolito al dolore, 4 è quando si allontanano dal dolore, e 5 è quando riescono a individuare dove il dolore è Un punteggio di 6 significa che la persona può obbedire ai comandi.

Un punteggio uguale o inferiore a 8 indica un coma. Se il punteggio è 9-12, la condizione è moderata. Se il punteggio è 13 o più, il danno alla coscienza è minore.

Trattamento

Un coma è una grave emergenza medica.

I professionisti della salute inizieranno garantendo la sopravvivenza immediata del paziente e proteggendo la propria respirazione e circolazione per massimizzare la quantità di ossigeno che raggiunge il cervello.

Un medico può somministrare glucosio o antibiotici anche prima che i risultati degli esami del sangue siano pronti, nel caso in cui il paziente sia in shock diabetico o abbia un’infezione cerebrale.

Il trattamento dipenderà dalla causa sottostante del coma, ad esempio insufficienza renale, malattia del fegato, diabete, avvelenamento e così via.

Se c’è un gonfiore al cervello, può essere necessario un intervento chirurgico per alleviare la pressione.

prospettiva

Se la causa del coma può essere trattata con successo, la persona può infine svegliarsi senza danni permanenti.

All’inizio sono probabilmente confusi, ma di solito ricordano cosa è successo prima del coma e possono continuare la loro vita. In genere, è necessaria una terapia di riabilitazione.

Se si è verificato un danno cerebrale, può verificarsi una compromissione a lungo termine. Se la persona si sveglia, potrebbe aver bisogno di imparare di nuovo le competenze di base e potrebbe non ricordare cosa è successo.

Tuttavia, con il supporto, come la terapia fisica e occupazionale, molte persone possono godere di una buona qualità della vita.

In alcuni casi, la persona non si sveglierà.

Ricerca

Nel 2015, i neurologi hanno pubblicato risultati che dimostrano che potrebbe esserci un modo per prevedere quando i pazienti si sveglieranno da un coma. Durante il coma, i modelli specifici di comunicazione neuronale sembrano essere interrotti.

Usando i test di risonanza magnetica funzionale (fMRI), gli scienziati hanno notato che i pazienti che conservavano una particolare forza di comunicazione neuronale erano più propensi a riprendersidal coma.

Ciò potrebbe significare che la risonanza magnetica funzionale potrebbe essere in grado di prevedere la probabilità di recupero di una persona.

Un altro studio condotto nel 2015 ha trovato prove del fatto che le voci di familiari e persone care potrebbero contribuire a migliorare la reattività nelle persone durante il coma. Dopo 15 pazienti sottoposti a un noto allenamento sensoriale uditivo (FAST) o al silenzio del placebo , le scansioni fMRI mostrano miglioramenti nel cervello di coloro che hanno sperimentato FAST.

Scritto da Antonio Di Feo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *