Home / Medicina / Insufficienza renale (sintomi, segni, fasi, cause e trattamento)

Insufficienza renale (sintomi, segni, fasi, cause e trattamento)

Definizione e fatti di insufficienza renale

  • I reni sono gli organi che filtrano i prodotti di scarto dal sangue. Sono anche coinvolti nella regolazione della pressione sanguigna , dell’equilibrio elettrolitico e della produzione di globuli rossi nel corpo.
  • I sintomi di insufficienza renale sono dovuti all’accumulo di prodotti di scarto e di liquidi in eccesso nel corpo che possono causare debolezza , mancanza di respiro , letargia, gonfiore e confusione . L’incapacità di rimuovere il potassio dal sangue può portare a ritmi anormali del cuore e morte improvvisa. Inizialmente l’insufficienza renale può non causare sintomi.
  • Esistono numerose cause di insufficienza renale e il trattamento della patologia di base può essere il primo passo per correggere l’anormalità renale.
  • Alcune cause di insufficienza renale sono curabili e la funzione renale può tornare alla normalità. Sfortunatamente, l’insufficienza renale può essere progressiva in altre situazioni e può essere irreversibile.
  • La diagnosi di insufficienza renale di solito viene effettuata da esami del sangue che misurano BUN, creatinina e velocità di filtrazione glomerulare (GFR).
  • Il trattamento della causa sottostante dell’insufficienza renale può riportare la funzione renale alla normalità. Gli sforzi a lungo termine per controllare la pressione sanguigna e il diabete possono essere il modo migliore per prevenire la malattia renale cronica e la sua progressione verso l’insufficienza renale. Con l’età, la funzionalità renale diminuisce gradualmente nel tempo.
  • Se i reni falliscono completamente, le uniche opzioni di trattamento disponibili possono essere la dialisi o il trapianto.

Che cos’è la malattia renale? Quali sono i sintomi?

La malattia renale si riferisce a condizioni e problemi ai reni e alla loro funzione. Segni e sintomi della malattia renale possono variare a seconda del tipo; tuttavia, i sintomi comuni non specifici della malattia renale cronica includono:

  • Perdita di appetito
  • Gonfiore intorno agli occhi
  • Fatica
  • Secco, itcy
  • Problemi di sonno
Un'illustrazione 3D che evidenzia i reni e la loro posizione.

Quali sono i reni? Dove si trovano?

I reni svolgono ruoli chiave nella funzione del corpo, non solo filtrando il sangue e liberandosi dei prodotti di scarto, ma anche bilanciando i livelli di elettroliti nel corpo, controllando la pressione sanguigna e stimolando la produzione di globuli rossi .

I reni si trovano nell’addome verso la schiena, normalmente uno su ciascun lato della colonna vertebrale. Ottengono il loro apporto di sangue attraverso le arterie renali direttamente dall’aorta e rimandano il sangue al cuore attraverso le vene renali alla vena cava. (Il termine “renale” deriva dal nome latino per rene.)

Cosa fanno i reni?

Quando il sangue scorre verso il rene, i sensori all’interno di cellule renali specializzate regolano la quantità di acqua da espellere come l’urina, insieme a quale concentrazione di elettroliti . Ad esempio, se una persona è disidratata dall’esercizio o da una malattia, i reni trattengono più acqua possibile e l’urina diventa molto concentrata. Quando l’acqua è presente nel corpo, l’urina è molto più diluita e l’urina diventa chiara. Questo sistema è controllato dalla renina, un ormone prodotto nel rene che fa parte del sistema di regolazione della pressione del sangue e del corpo.

I reni sono anche la fonte di eritropoietina nel corpo, un ormone che stimola il midollo osseo a produrre globuli rossi. Le cellule speciali nel rene monitorano la concentrazione di ossigeno nel sangue. Se i livelli di ossigeno diminuiscono, i livelli di eritropoietina aumentano e il corpo inizia a produrre più globuli rossi.

L’urina prodotta da ciascun rene scorre attraverso l’uretere, un tubo che collega il rene alla vescica. L’urina è immagazzinata all’interno della vescica e, quando si verifica la minzione, la vescica svuota l’urina attraverso un tubo chiamato uretra.

Che cosa causa l’insufficienza renale?

L’insufficienza renale può verificarsi da una situazione acuta che ferisce i reni o da malattie croniche che gradualmente causano il funzionamento dei reni.

In caso di insufficienza renale acuta , la funzionalità renale viene persa rapidamente e può verificarsi da una varietà di insulti al corpo. Poiché la maggior parte delle persone ha due reni, entrambi i reni devono essere danneggiati per la completa insufficienza renale. Fortunatamente, se un solo rene non funziona o è malato, può essere rimosso e il rene rimanente può continuare ad avere una normale funzionalità renale. Se i reni di entrambi i pazienti sono feriti o malati, un (i) rene (i) donatore può essere trapiantato.

L’elenco delle cause di insufficienza renale è spesso suddiviso in categorie in base a dove si è verificata la lesione.

Le cause prerenali (pre = prima + renale = rene) sono dovute alla diminuzione dell’apporto di sangue al rene. Esempi di cause prerenali di insufficienza renale sono:

  • Ipovolemia (basso volume di sangue) a causa di perdita di sangue
  • Disidratazione da perdita di liquidi corporei (ad esempio vomito , diarrea , sudorazione , febbre )
  • Cattivo apporto di liquidi
  • I farmaci, ad esempio, i diuretici (“pillole d’acqua”) possono causare un’eccessiva perdita d’acqua
  • Flusso sanguigno anormale da e verso il rene a causa dell’ostruzione dell’arteria renale o della vena.

Che cosa causa l’insufficienza renale acuta?

Le cause renali di insufficienza renale (danni direttamente al rene stesso) includono:

Sepsi: il sistema immunitario del corpo è sopraffatto dall’infezione e causa infiammazione e arresto dei reni. Questo di solito non si verifica con le infezioni del tratto urinario semplice .

Farmaci: alcuni farmaci sono tossici per il rene, tra cui:

  • Farmaci antiinfiammatori non steroidei ( FANS ) come l’ ibuprofene ( Advil , Motrin e altri) e naprossene ( Aleve , Naprosyn )
  • Antibiotici come aminoglicosidi gentamicina ( Garamicina ), tobramicina
  • litio (Eskalith, Lithobid )
  • Farmaci contenenti iodio come quelli iniettati per studi di colorazione di radiologia

Rabdomiolisi:  nella rabdomiolisi vi è una significativa rottura muscolare nel corpo e le fibre muscolari danneggiate ostruiscono il sistema di filtraggio dei reni. Massicce lesioni muscolari possono verificarsi a causa di traumi , lesioni da schiacciamento e ustioni . Alcuni farmaci usati per il trattamento del colesterolo alto possono causare rabdomiolisi.

Mieloma multiplo

Glomerulonefrite acuta o infiammazione dei glomeruli, il sistema di filtraggio dei reni. Molte malattie possono causare questa infiammazione, tra cui:

  • Lupus eritematoso sistemico
  • La granulomatosi di Wegener
  • Sindrome di Goodpasture.

Sindrome emolitica uremica: questa condizione deriva dalla distruzione anormale dei globuli rossi. Si verifica più spesso nei bambini dopo determinate infezioni, ma può anche essere causato da farmaci, gravidanza o può verificarsi per ragioni sconosciute.

Cause di insufficienza renale postrenale

Le cause post renali di insufficienza renale (post = dopo + renale = rene) sono dovute a fattori che influenzano il deflusso delle urine:

  • L’ostruzione della vescica o degli ureteri può causare una contropressione perché i reni continuano a produrre urina, ma l’ostruzione agisce come una diga e l’urina si insinua nei reni. Quando la pressione aumenta abbastanza, i reni sono danneggiati e chiusi.
  • L’ipertrofia prostatica o il cancro alla prostata possono bloccare l’uretra e impedire lo svuotamento della vescica.
  • Tumori nell’addome che circondano e ostruiscono gli ureteri.
  • Calcoli renali . Di solito, i calcoli renali colpiscono solo un rene e non causano insufficienza renale. Tuttavia, se c’è un solo rene presente, un calcolo renale può causare il fallimento del rene rimanente.

Che cosa causa l’insufficienza renale cronica?

L’insufficienza renale cronica si sviluppa nel corso di mesi e anni. Le cause più comuni di insufficienza renale cronica sono correlate a

  • diabete mal controllato ,
  • ipertensione mal controllata , e
  • glomerulonefrite cronica.

Le cause meno comuni di insufficienza renale cronica includono:

  • Malattia del rene policistico
  • Nefropatia da reflusso (danno causato dal riflusso delle urine dalla vescica agli ureteri e ai reni)
  • Sindrome nevrotica
  • La malattia di Alport
  • Nefrite interstiziale
  • Calcoli renali
  • Malattia della prostata

Quali sono i segni e i sintomi dell’insufficienza renale?

 

Inizialmente, l’insufficienza renale può non produrre alcun sintomo (asintomatico). Quando la funzione renale diminuisce, i sintomi sono legati all’incapacità di regolare gli equilibri idrici ed elettrolitici, eliminare i prodotti di scarto dall’organismo e promuovere la produzione di globuli rossi.

Se non riconosciuti o non trattati, i seguenti sintomi di insufficienza renale possono svilupparsi in circostanze potenzialmente letali.

  • letargo
  • Debolezza
  • Mancanza di respiro
  • Gonfiore generalizzato ( edema )
  • Debolezza generalizzata dovuta all’anemia
  • Perdita di appetito
  • letargo
  • Fatica
  • Insufficienza cardiaca congestizia
  • Acidosi metabolica
  • Potassio alto nel sangue ( iperkaliemia )
  • Disturbi del ritmo cardiaco fatali (aritmie) tra cui tachicardia ventricolare e fibrillazioneventricolare
  • L’aumento dei livelli di urea nel sangue (uremia) può portare a encefalopatia cerebrale , pericardite (infiammazione del rivestimento del cuore), o bassi livelli di calcio nel sangue (ipocalcemia)

L’insufficienza renale provoca dolore?

L’insufficienza renale in sé non causa dolore . Tuttavia, le conseguenze dell’insufficienza renale possono causare dolore e disagio in diverse parti del corpo.

Proteine ​​amiloidi

I normali reni funzionanti filtrano l’amiloide (una proteina) dal flusso sanguigno. Nell’insufficienza renale le proteine ​​amiloidi nel sangue aumentano e possono separarsi e aggregarsi formando depositi di amiloide in una varietà di tessuti e organi, comprese articolazioni e tendini. Ciò può causare sintomi di:

  • rigidità articolare ,
  • dolore, e
  • gonfiore.

Dolore correlato alla procedura

  • I pazienti in dialisi possono avere disagio quando si trovano sulla macchina per dialisi .

Sottostante dolore cronico

  • Il dolore è spesso una conseguenza della malattia cronica sottostante che ha portato all’insufficienza renale, ad esempio:
  • Le persone con diabete scarsamente controllato possono sviluppare dolore neuropatico diabetico .
  • Le persone che hanno una malattia vascolare periferica possono anche avere dolore alle estremità e possono sviluppare claudicatio ( dolore alle gambe che si verifica quando si cammina ).

Come viene diagnosticata l’insufficienza renale?

 

Spesso, un paziente è visto per un’altra condizione medica e la diagnosi di insufficienza renale è una conseguenza della malattia o della lesione del paziente. Nei pazienti con malattia renale cronica dovuta a diabete, pressione alta o un’altra condizione medica correlata, il proprio team di assistenza medica monitora probabilmente la funzione renale come parte del suo piano di assistenza a lungo termine di routine.

Analisi del sangue

La diagnosi di insufficienza renale può essere confermata da esami del sangue come BUN, creatinina e GFR; che misurano l’accumulo di prodotti di scarto nel sangue.

Test delle urine

È possibile ordinare test delle urine per misurare la quantità di proteine, rilevare la presenza di cellule anormali o misurare la concentrazione di elettroliti.

Altri test

Altri test sono utilizzati per diagnosticare il tipo di insufficienza renale come:

  • addominale ecografia
  • Biopsia renale

Qual è il trattamento per l’insufficienza renale?

 

La prevenzione è sempre l’obiettivo con l’insufficienza renale. Malattie croniche come l’ ipertensione ( pressione alta ) e il diabete sono devastanti a causa del danno che possono arrecare ai reni e ad altri organi. La diligenza per tutta la vita è importante per mantenere la glicemia e la pressione sanguigna entro i limiti normali. I trattamenti specifici dipendono dalle malattie di base.

Una volta che l’insufficienza renale è presente, l’obiettivo è prevenire un ulteriore deterioramento della funzione renale. Se ignorati, i reni progrediscono fino al completo fallimento, ma se le malattie sottostanti vengono affrontate e trattate in modo aggressivo, la funzione renale può essere preservata, anche se non sempre migliorata.

Dieta

 

La dieta è una considerazione importante per chi ha una funzione renale compromessa. La consultazione con un dietologo può essere utile per capire quali alimenti potrebbero o meno essere appropriati.

In questo stato di funzionalità renale compromessa, i reni non riescono facilmente a rimuovere l’eccesso di acqua, sale o potassio dal sangue, quindi è possibile che gli alimenti ricchi di sostituti del sale di potassio debbano essere consumati in quantità limitate. Esempi di alimenti ricchi di potassio includono:

  • Banane
  • albicocche
  • Cantalupo
  • Patate dolci
  • Yogurt
  • Spinaci
  • Avocado

Il fosforo è una sostanza chimica dimenticata che è associata al metabolismo del calcio e può essere elevata nel corpo in caso di insufficienza renale. Troppo fosforo può sanguinare il calcio dalle ossa e causare osteoporosi e fratture . Esempi di alimenti e bevande ad alto contenuto di fosforo includono:

  • latte
  • Formaggio
  • Noccioline
  • Bevande cola scure
  • Tè freddo in scatola
  • Yogurt
  • L’organo si incontra
  • sardine
  • Ostriche
  • Stufato di fagioli
  • Fagioli neri
  • Lenticchie
  • Fagioli
  • Fagioli di soia
  • Cereali di crusca
  • caramelle
  • Prodotti integrali
Un uomo anziano che prendeva i farmaci per i reni dall'armadietto dei medicinali.

farmaci

Possono essere utilizzate diverse classi di farmaci per aiutare a controllare alcuni dei problemi associati all’insufficienza renale, tra cui:

  • Farmaci per abbassare il fosforo, ad esempio, carbonato di calcio ( Caltrate ), calcitriolo ( Rocaltrol ) e sevelamer ( Renagel )
  • Stimolazione della produzione di globuli rossi, ad esempio, eritropoietina, darbepoetin ( Aranesp )
  • Produzione di globuli rossi ( integratori di ferro )
  • Farmaci per la pressione sanguigna
  • Vitamine

Una volta che i reni falliscono completamente, le opzioni di trattamento sono limitate alla dialisi o alla sostituzione dei reni mediante trapianto.

Dialisi ed emodialisi

 

La dialisi purifica il corpo dei prodotti di scarto nel corpo mediante l’uso di sistemi di filtraggio. Esistono due tipi di dialisi, 1) emodialisi e 2) dialisi peritoneale.

L’emodialisi utilizza un filtro della macchina chiamato dializzatore o rene artificiale per rimuovere l’eccesso di acqua e sale, per bilanciare gli altri elettroliti nel corpo e per rimuovere i prodotti di scarto del metabolismo. Il sangue viene rimosso dal corpo e scorre attraverso i tubi nella macchina, dove passa accanto a una membrana filtrante. Una soluzione chimica specializzata (dialisato) scorre sull’altro lato della membrana. Il dialisato è formulato per prelevare le impurità dal sangue attraverso la membrana del filtro. Il sangue e il dializzato non si toccano mai nella macchina artificiale del rene.

Per questo tipo di dialisi, l’accesso ai vasi sanguigni deve essere creato chirurgicamente in modo che una grande quantità di sangue possa fluire nella macchina e tornare al corpo. I chirurghi possono costruire una fistola, una connessione tra una grande arteria e una vena del corpo, solitamente nel braccio, che consente una grande quantità di sangue scorrere nella vena. Ciò rende la vena gonfia o si dilata e le sue pareti diventano più spesse in modo che possa tollerare ripetuti bastoncini dell’ago per attaccare i tubi dal corpo alla macchina. Poiché occorrono molte settimane o mesi perché una fistola maturi abbastanza da essere utilizzata, è necessaria una pianificazione significativa se l’emodialisi deve essere considerata un’opzione.

Se l’insufficienza renale avviene in modo acuto e non c’è tempo per costruire una fistola, possono essere inseriti cateteri speciali nei vasi sanguigni più grandi del braccio, della gamba o del torace. Questi cateteri possono essere lasciati sul posto per settimane. In alcune malattie, la necessità di dialisi sarà temporanea, ma se ci si aspetta che la dialisi continui per un periodo prolungato di tempo, questi cateteri fungono da ponte fino a quando una fistola può essere pianificata, posizionata e maturata.

I trattamenti di dialisi si verificano normalmente tre volte a settimana e durano poche ore alla volta. Più comunemente, i pazienti si recano in un centro ambulatoriale per sottoporsi a dialisi, ma la terapia dialitica domiciliare sta diventando un’opzione per alcuni.

La dialisi ambulatoriale è disponibile su alcune navi da crociera. Sono dotati di macchine per la dialisi con operatori sanitari qualificati pronti a prendersi cura di chi soffre di insufficienza renale durante il viaggio.

Dialisi peritoneale

La dialisi peritoneale utilizza il rivestimento della cavità addominale come filtro per dialisi per liberare il corpo dai rifiuti e bilanciare i livelli di elettroliti. Un catetere viene inserito nella cavità addominale attraverso la parete addominale da un chirurgo, e si prevede che rimarrà sul posto a lungo termine. La soluzione di dialisi viene quindi gocciolata attraverso il catetere e lasciata nella cavità addominale per alcune ore dopo di che viene scaricata. Durante quel periodo, i prodotti di scarto sanguinano dal sangue che scorre attraverso il rivestimento dell’addome (peritoneo) e si attaccano al fluido che è stato instillato dai cateteri. Spesso i pazienti instillano il liquido del dializzato prima di coricarsi e lo svuotano al mattino.

Ci sono benefici e complicazioni per ogni tipo di dialisi. Non tutti i pazienti possono scegliere il tipo che preferiscono. La decisione sul trattamento dipende dalla malattia del paziente e dalla sua storia medica passata insieme ad altri problemi. Di solito, il nefrologo (specialista in reni) avrà una lunga discussione con il paziente e la famiglia per decidere quale sarà la migliore opzione disponibile.

La dialisi è salva-vita. Senza di esso, i pazienti i cui reni non funzionano più morirebbero relativamente rapidamente a causa di anomalie elettrolitiche e l’accumulo di tossine nel flusso sanguigno. I pazienti possono vivere molti anni con la dialisi, ma altre malattie sottostanti e associate spesso sono la causa della morte.

Trapianto di rene

Se l’insufficienza renale si verifica e non è reversibile, il trapianto di rene è un’opzione alternativa alla dialisi. Se il paziente è un candidato appropriato, l’operatore sanitario e il nefrologo contatteranno un centro trapianti di organi per organizzare la valutazione per vedere se il paziente è adatto a questo trattamento. Se è così, inizia la ricerca di un donatore. A volte, i membri della famiglia hanno tipi di tessuti compatibili e, se sono disposti, possono donare un rene. In caso contrario, il paziente verrà inserito nella lista dei trapianti di organi mantenuta dalla United Network of Organ Sharing.

Non tutti gli ospedali sono in grado di eseguire trapianti di reni. Il paziente potrebbe dover viaggiare per subire la loro operazione. I programmi di maggior successo sono quelli che fanno molti trapianti ogni anno.

Mentre i trapianti di reni sono diventati più di routine, comportano ancora dei rischi. Il paziente dovrà assumere farmaci anti-rigetto che riducono la capacità del sistema immunitario di combattere le infezioni. Il corpo può provare a rifiutare il rene o il rene trapiantato potrebbe non funzionare. Come con qualsiasi operazione, c’è il rischio di sanguinamento e infezione.

I trapianti di rene possono fornire una migliore qualità della vita rispetto alla dialisi. Dopo un anno, il 95% dei reni trapiantati funziona ancora e dopo cinque anni il numero è dell’80%. Sembra che più un paziente è in dialisi, più breve è la vita del rene trapiantato.

Se il rene trapiantato fallisce, l’alternativa è un altro trapianto di rene o un ritorno alla dialisi.

Qual è la prognosi per qualcuno con insufficienza renale?

Le prospettive per l’insufficienza renale dipendono dalla condizione sottostante che l’ha causata. La funzione renale può tornare alla normalità, specialmente se è dovuta a un’ostruzione acuta e l’ostruzione viene attenuata. Altre cause di ridotta funzionalità renale che porta a insufficienza renale sono dovute a una patologia di base e si verificano lentamente nel tempo.

La prevenzione è la migliore possibilità di mantenere la funzionalità renale e il controllo dell’ipertensione e del diabete nell’arco di una vita può ridurre il rischio di danno progressivo ai reni. L’insufficienza renale cronica può essere gestita per aiutare a monitorare l’elettrolita e ridurre i livelli di prodotto nel sangue. Le principali anomalie possono essere pericolose per la vita e le opzioni di trattamento possono essere limitate alla dialisi o al trapianto.

Scritto da Antonio Di Feo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *