Home / Animali / Tempi e frequenza di alimentazione per gatti

Tempi e frequenza di alimentazione per gatti

I gatti sono creature abitudinarie

Possiamo usare questo fatto a nostro vantaggio creando un programma di alimentazione regolare e attenendoci ad esso.

Il gatto adulto a intervalli regolari fornisce la sicurezza e la prevedibilità di una routine. I pasti diventano un evento cardine del giorno attorno al quale vengono aggiunte altre attività. Una routine di alimentazione aiuta un gatto a far fronte quando ci sono cambiamenti nel nucleo familiare.

Una routine alimentare rende più facile il cambio di cibo necessario.

Quando un gatto è abituato a mangiare alla stessa ora ogni giorno, il suo corpo diventa condizionato ad aspettarsi il cibo in quei momenti. La fame può essere un grande motivatore! Se il palcoscenico è impostato per aumentare la fame seguita dai pasti a intervalli regolari, la transizione a un nuovo cibo sarà spesso semplice e diretta.

I gatti hanno una semplice anatomia dello stomaco.

Poiché i gatti hanno una semplice struttura dello stomaco (come gli umani), una volta riempito, si svuoterà entro poche ore mentre il cibo si sposta nel intestino tenue.

Dopo 8 – 10 ore, uno stomaco vuoto inizia a inviare segnali al cervello stimolando una risposta di fame. Per questo motivo, almeno due pasti al giorno sono i migliori per i nostri amici felini. Immagina se dovessi solo fare colazione ogni giorno! Regolari, i tempi di alimentazione di routine consentono al corpo del vostro gatto di essere preparato per il cibo che riceverà.

Una rottura delle abitudini alimentari può essere un segnale di pericolo per la malattia.

Quando i gatti mangiano regolarmente, questa abitudine diventa forte. È facile vedere a colpo d’occhio se tutto il cibo di un pasto è consumato. Se il cibo viene lasciato, sia tutto o parte di un pasto, questo è un segnale importante che qualcosa è sbagliato ed è ora di fissare un appuntamento veterinario.

Mi è stato detto che i gattini dovrebbero mangiare tutto quello che vogliono 3 o 4 volte per giorno.

Nutrire un gattino tutto ciò che può mangiare contemporaneamente è chiamato “ad libitum” o “libera scelta”. Questo è un ottimo modo per creare l’obesità giovanile, incoraggiare l’abbuffata, così come preparare il terreno per alcuni problemi ortopedici e il diabete. I gatti sono riconosciuti per avere un “set point” geneticamente determinato per la loro taglia adulta. Una crescita più lenta e controllata nei gattini ottimizza le condizioni del corpo nell’età adulta.

Quanti pasti dovrebbe mangiare il mio gatto ogni giorno?

Il numero di pasti che un gatto mangia al giorno dipende completamente dall’orario della famiglia. I gatti dovrebbero mangiare almeno due pasti al giorno, a circa 12 ore di distanza. Ma una colazione, un pranzo, un pomeriggio, una cena e subito prima dell’ora del letto è un’opzione altrettanto valida. Se trascorrono più di 12 ore tra un pasto e l’altro, lo stomaco può diventare iperacido e causare nausea.

Per sapere di più visita il blog che mi ha incuriosito su quest’argomento: https://www.gattoblog.it/tempi-e-frequenza-di-alimentazione-per-gatti/

Scritto da Antonio Di Feo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *