Home / Medicina / fistola sacro coccigea: Che cos’è, e quali sono le sue origini

fistola sacro coccigea: Che cos’è, e quali sono le sue origini

Che cos’è la fistola sacro coccigea?

La fistola sacro coccigea è una lesione cronica del tessuto cutaneo che si trova nella regione della piega del gluteo e non ha alcuna relazione con l’ano e il canale anale.
Più frequentemente nei maschi (rapporto di circa 3: 1) e in un’età compresa tra i 15 e i 30 anni, raramente si sviluppa in individui con più di 30 anni.
Secondo diversi studi, le probabilità che la fistola compaia sono maggiori in tutti qui lavori dove si sta costantemente seduti. Le categorie di lavoratori più a rischio sono: Autisti, segretari e operatori bancari.

Quali sono le origini della fistola sacro coccigea?

Ci sono due teorie principali circa l’aspetto delle sacre cisti coccige congenite e acquisite. La prima potrebbe essere causata dalla persistenza di un ectoderma embrionale residuo o da una combinazione posteriore di rafe successiva formazione di cisti sacrococcigea.
La teoria acquisita prevede la presenza di peli nell’area che, a causa di traumi, sfregamento, scarsa igiene, ma possono essere incorporato, determinante prima della formazione delle cisti e successivamente con l’infezione la fistola risultante.

fistola sacro coccigea

Quali sono i sintomi della fistola sacrococcigea?

All’inizio, i sintomi potrebbero passare inosservati al sofferente che pensa che l’infiammazione scomparirà. Se non curata, la malattia peggiorerà.

Tuttavia, ci sono alcuni sintomi della fistola sacrococcigea da conoscere:

  • Febbre
  • Drenaggio del pus
  • Dolore alla base della schiena
  • Pelle arrossata e gonfia

Se qualcuno di questi sintomi viene notato, deve essere consultato un medico. Il drenaggio del pus, in particolare, può significare che l’infezione è peggiorata e presto si formerà una cisti.

Cosa si può fare per prevenire una fistola sacrococcigea?

Praticare una buona igiene è fondamentale per la prevenzione delle fistole sacrococcigea. Non è solo una questione di pulizia. Poiché la malattia inizia per la prima volta con i follicoli piliferi incastonati.

Quali sono i trattamenti per la fistola sacro coccigea

A seguito della comparsa di un ascesso, è necessario un trattamento urgente, che include l’incisione e il drenaggio con conseguente intervento per la rimozione radicale di cisti e / o fistola.
In caso di cisti e / o fistole croniche è programmata la procedura per la chirurgia radicale.
Ci sono molte tecniche usate e descritte in letteratura, metodiche aperte, chiuse e semiaperte.
Seguendo le frequenti ricadute con il metodo chiuso preferisci eseguire l’open o semi-open.

Prevenzione post intervento per la fistola sacro coccigea

La prevenzione dopo l’intervento e fondamentale, in quanto la fistola se non curata adeguatamente può riformarsi. Vi consigliamo di cambiare costantemente le garze, in moda da prevenire le infezioni. L’igiene personale e importantissima affinché la fistola non compaia.

Scritto da Antonio Di Feo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *