Home / Animali / Con il cane a mare, come prendersi cura della sua salute

Con il cane a mare, come prendersi cura della sua salute

cane al mare Come noi umani anche i cani sono debilitati dall’aumento delle temperature estive. Ecco allora che è necessario seguire alcune regole per mantenere il proprio amico a quattro zampe in forma, evitando che il sole della spiaggia lo sfianchi troppo e che gli danneggi il pelo e la cute.

Un po’ di caldo e il mare, si sa, fanno bene alla salute degli animali. Tuttavia, il sole va dosato.

Cane al mare: come dosare il sole cocente

Il primo e più importante consiglio è quello di non tenere il nostro animale sotto il sole cocente, quindi è consigliabile evitare la spiaggia nelle ore più calde, anche se fa parte di una struttura attrezzata. La fascia oraria assolutamente bandita è quella che va dalle 12.00 alle 15.00, questo perché il nostro amico fido ha una temperatura corporea elevata (pari a 38,5 °C) e non riesce a mantenerla costante attraverso il sudore considerato che non ha ghiandole sudoripare. L’unico modo che ha per dissipare il calore è quello di tenere la lingua a penzoloni, ma questo atteggiamento alla lunga lo sfianca. Per il suo benessere quindi è più che consigliata la spiaggia dalle 7.00 del mattino alle 11.00 e dalle 17.00 in poi.

Cane al mare: un rimedio contro la spossatezza

Una volta arrivati nella vostra spiaggia per cani prendete la ciotola del vostro amico peloso, riempitela di acqua e aggiungeteci quattro gocce del fiore di Bach Beech e quattro del fiore di Bach Olive, questi fiori sono molto utili in quanto aiutano l’organismo del nostro cane a vincere la spossatezza causata dal caldo.

Cane al mare: l’importanza dell’acqua fresca

Invitiamo il nostro amico peloso a bere più volte non solo durante il tempo trascorso in spiaggia, ma in tutto l’arco della giornata. Tuttavia, nelle ore marine è necessario mettere la ciotola dell’acqua all’ombra, perché al sole il contenuto diventa bollente, quindi rischia di ustionare la lingua del cane. Non solo: l’acqua calda non invoglia il nostro cane a bere, e questo può portarlo alla disidratazione.

Cane al mare: l’importanza dell’integratore anti caldo

Somministriamo al nostro cane un integratore anti caldo utile nella quotidianità ed essenziale per le giornate di mare. Più che raccomandato l’estratto di aloe. Questo integratore è piuttosto utile, soprattutto perché nel periodo estivo gli animali tendono a nutrirsi poco o niente a causa del grande caldo, l’estratto di aloe dà al cane tutte quelle sostanze che vengono a mancargli a causa della scarsa alimentazione. L’aloe, infatti, oltre ad avere un’azione immunostimolante, contiene vitamine, aminoacidi e minerali. Questi ultimi sono molto importanti per affrontare la spiaggia. Dunque per tutto il periodo estivo versiamo 10 gocce di succo di aloe biologico nella sua acqua casalinga.

Cane al mare: l’importanza della protezione solare

Acquistare un buon filtro solare. Ebbene sì, anche i cani si scottano e il sole estivo è davvero implacabile con il nostro amico. Essendo coperto di pelo a noi non viene così immediato pensare che possa andare incontro a ustioni solari. Invece non è così. Piccole parti del corpo sono nude: la parte interna delle orecchie, la zona superiore del muso sopra la canna del naso, il naso, i polpastrelli e via discorrendo. A essere più soggetti a ustioni sono i cani a pelo bianco e a pelo chiaro. Ad ogni modo, sia che il nostro animale sia chiaro o scuro, tutte le zone prive di pelo vanno protette. A tale scopo, prima di andare in spiaggia, si deve impiegare una buon filtro, ottimi i solari a protezione totale per bambini e quelli messi a punto proprio per i nostri amici a quattro zampe.

Cane al mare: che cosa fare se la cute è già ustionata

Qualora il tuo cane si fosse già scottato, evita la spiaggia per alcuni giorni. Nel frattempo curalo con un gel all’aloe, ottimo per dargli sollievo dall’ustione, delle piaghe e possibili ferite ai polpastrelli. Questi ultimi sono i primi a scottarsi venendo a contatto con la sabbia rovente così come con l’asfalto.

Scritto da Antonio Di Feo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *