Home / Medicina / Meningite sintomi: Come riconoscerli?

Meningite sintomi: Come riconoscerli?

meningiteChe cos’e la meningite?

La meningite è un’infiammazione delle membrane (meningi) che circondano il cervello e il midollo spinale.

Il gonfiore causato dalla meningite provoca tipicamente sintomi come mal di testa, febbre e rigidità del collo.

La maggior parte dei casi di meningite negli Stati Uniti è causata da un’infezione virale, ma le infezioni batteriche e fungine sono le altre cause. Alcuni casi di meningite migliorano senza trattamento in poche settimane. Altri possono essere pericolosi per la vita e richiedono un trattamento antibiotico.

Bisogna chiedere assistenza medica immediata se si sospetta che qualcuno abbia la meningite. Il trattamento precoce della meningite batterica può prevenire gravi complicazioni.

Quali sono i sintomi della meningite?

I primi sintomi della meningite possono imitare l’influenza. I sintomi possono svilupparsi per diverse ore o per alcuni giorni.

I possibili segni e sintomi in chiunque di età superiore ai 2 anni includono:

  • Febbre alta improvvisa
  • Torcicollo
  • Forte mal di testa che sembra diverso dal normale
  • Mal di testa con nausea o vomito
  • Confusione o difficoltà di concentrazione
  • Convulsioni
  • Sonnolenza o difficoltà a svegliarsi
  • Sensibilità alla luce
  • Nessun appetito o sete
  • Eruzione cutanea (a volte, come nella meningite meningococcica)

Meningite nei neonati

Neonati e lattanti possono mostrare questi segni:

  • Febbre alta
  • Pianto costante
  • Eccessiva sonnolenza o irritabilità
  • Inattività o lentezza
  • Scarsa alimentazione
  • Un rigonfiamento nel punto morbido sopra la testa di un bambino (fontanella)
  • Rigidità nel corpo e nel collo del bambino

I neonati con meningite possono essere difficili da confortare e possono anche piangere più duramente quando vengono trattenuti.

Quando bisogna consultare un dottore se si sospetta un caso di meningite?

Chiedere assistenza medica immediata se voi o qualcuno nella vostra famiglia ha sintomi di meningite, come ad esempio:

  • Febbre
  • Grave, inesorabile mal di testa
  • Confusione
  • vomito
  • Torcicollo

La meningite batterica è grave e può essere fatale in pochi giorni senza un tempestivo trattamento antibiotico. Il trattamento ritardato aumenta il rischio di danni permanenti al cervello o morte.

È anche importante parlare con il medico se un membro della famiglia o qualcuno con cui lavori ha la meningite. Potrebbe essere necessario assumere farmaci per prevenire l’infezione.

Quali sono le cause della meningite?

Le infezioni virali sono la causa più comune di meningite, seguita da infezioni batteriche e, raramente, da infezioni fungine. Poiché le infezioni batteriche possono essere pericolose per la vita, identificare la causa è essenziale.

Meningite batterica

I batteri che entrano nel flusso sanguigno e viaggiano verso il cervello e il midollo spinale causano una meningite batterica acuta. Ma può anche verificarsi quando i batteri invadono direttamente le meningi. Questo può essere causato da un orecchio o sinusite, da una frattura del cranio o, raramente, dopo alcuni interventi chirurgici.

Diversi ceppi di batteri possono causare una meningite batterica acuta, più comunemente:

  • Streptococcus pneumoniae (pneumococco). Questo batterio è la causa più comune di meningite batterica nei neonati, nei bambini piccoli e negli adulti negli Stati Uniti. Più comunemente causa infezioni da polmonite o da orecchio o sinusite. Un vaccino può aiutare a prevenire questa infezione.
  • Neisseria meningitidis (meningococco). Questo batterio è un’altra delle principali cause di meningite batterica. Questi batteri comunemente causano un’infezione delle vie respiratorie superiori ma possono causare meningite da meningococco quando entrano nel flusso sanguigno. Questa è un’infezione altamente contagiosa che colpisce soprattutto adolescenti e giovani adulti. Può causare epidemie locali nei dormitori del college, nei convitti e nelle basi militari. Un vaccino può aiutare a prevenire l’infezione.
  • Haemophilus influenzae (haemophilus). Il batterio Haemophilus influenzae di tipo b (Hib) era una volta la principale causa di meningite batterica nei bambini. Ma i nuovi vaccini Hib hanno notevolmente ridotto il numero di casi di questo tipo di meningite.
  • Listeria monocytogenes (listeria). Questi batteri possono essere trovati in formaggi non pastorizzati, hot dog e carni per il pranzo. Le donne incinte, i neonati, gli anziani e le persone con un sistema immunitario indebolito sono i più sensibili. La Listeria può attraversare la barriera placentare e le infezioni nella tarda gravidanza possono essere fatali per il bambino.

Meningite virale

La meningite virale è solitamente lieve e spesso si risolve da sola. La maggior parte dei casi negli Stati Uniti è causata da un gruppo di virus noti come enterovirus, che sono più comuni a fine estate e all’inizio dell’autunno. Anche virus come il virus dell’herpes simplex, l’HIV, la parotite, il virus del Nilo occidentale e altri possono causare la meningite virale.

Meningite cronica

Organismi a crescita lenta (come funghi e Mycobacterium tuberculosis) che invadono le membrane e il fluido che circonda il cervello causano la meningite cronica. La meningite cronica si sviluppa per oltre due settimane o più. I sintomi della meningite cronica – mal di testa, febbre, vomito e torbidezza mentale – sono simili a quelli della meningite acuta.

Meningite fungina

La meningite fungina è relativamente rara e causa meningite cronica. Può simulare una meningite batterica acuta. La meningite fungina non è contagiosa da persona a persona. La meningite da criptococco è una forma fungina comune della malattia che colpisce le persone con deficienze immunitarie, come l’AIDS. È pericolosa per la vita se non trattata con un farmaco antifungino.

Altre cause di meningite

La meningite può anche derivare da cause non infettive, come reazioni chimiche, allergie ai farmaci, alcuni tipi di cancro e malattie infiammatorie come la sarcoidosi.

Fattori di rischio

I fattori di rischio per la meningite includono:

  • Saltare le vaccinazioni. Aumenti di rischio per chiunque non abbia completato il programma di vaccinazione degli adulti o dell’infanzia raccomandato.
  • Età. La maggior parte dei casi di meningite virale si verifica nei bambini di età inferiore a 5 anni. La meningite batterica è comune nei bambini di età inferiore ai 20 anni.
  • Vivere in un contesto comunitario. Gli studenti universitari che vivono in dormitori, il personale delle basi militari, i bambini nei convitti e le strutture per l’infanzia sono a maggior rischio di meningite da meningococco. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che il batterio si diffonde per via respiratoria e si diffonde rapidamente attraverso grandi gruppi.
  • Gravidanza. La gravidanza aumenta il rischio di listeriosi – un’infezione causata da batteri Listeria, che possono anche causare meningite. La listeriosi aumenta il rischio di aborto spontaneo, parto prematuro e parto prematuro.
  • Sistema immunitario compromesso L’AIDS, l’alcolismo, il diabete, l’uso di farmaci immunosoppressori e altri fattori che influenzano il sistema immunitario ti rendono anche più suscettibile alla meningite. Anche la rimozione della milza aumenta il rischio e i pazienti senza una milza devono essere vaccinati per ridurre al minimo tale rischio.

complicazioni

Le complicanze della meningite possono essere gravi. Più a lungo tu o il tuo bambino avete la malattia senza trattamento, maggiore è il rischio di convulsioni e danni neurologici permanenti, tra cui:

Con un trattamento tempestivo, anche i pazienti con grave meningite possono avere una buona ripresa.

Prevenzione

Batteri o virus comuni che possono causare la meningite possono diffondersi attraverso la tosse, lo starnuto, il bacio o la condivisione di posate, uno spazzolino da denti o una sigaretta.

Questi passaggi possono aiutare a prevenire la meningite:

  • Lavati le mani. L’attento lavaggio delle mani aiuta a prevenire i germi. Insegnare ai bambini a lavarsi spesso le mani, soprattutto prima di mangiare e dopo aver usato il bagno, passando il tempo in un affollato luogo pubblico o animali da accarezzare. Mostra loro come lavarsi e risciacquarsi vigorosamente e accuratamente le mani.
  • Praticare una buona igiene. Non condividere bevande, cibi, cannucce, posate, balsami per le labbra o spazzolini da denti con nessun altro. Insegna a bambini e adolescenti per evitare di condividere anche questi elementi.
  • Stai in salute. Mantieni il tuo sistema immunitario riposando a sufficienza, allenandoti regolarmente e mangiando una dieta sana con abbondanza di frutta fresca, verdura e cereali integrali.
  • Copriti la bocca. Quando hai bisogno di tossire o starnutire, assicurati di coprire la bocca e il naso.
  • Se sei incinta, prenditi cura del cibo. Riduci il rischio di listeriosi cucinando carne, compresi hot dog e carne di gastronomia, a 165 F (74 C). Evitare formaggi a base di latte non pastorizzato. Scegli i formaggi che sono chiaramente etichettati come fatti con latte pastorizzato.

vaccinazioni

Alcune forme di meningite batterica sono prevenibili con le seguenti vaccinazioni:

  • Vaccino Haemophilus influenzae tipo b (Hib). I bambini negli Stati Uniti ricevono abitualmente questo vaccino come parte del programma raccomandato di vaccini, a partire da circa 2 mesi di età. Il vaccino è raccomandato anche per alcuni adulti, compresi quelli che hanno l’anemia falciforme o l’AIDS e quelli che non hanno una milza.
  • Vaccino coniugato pneumococco (PCV13). Questo vaccino fa anche parte del normale programma di vaccinazione per i bambini di età inferiore ai 2 anni negli Stati Uniti. Ulteriori dosi sono raccomandate per i bambini di età compresa tra 2 e 5 che sono ad alto rischio di malattia da pneumococco, compresi i bambini che hanno una malattia cardiaca o polmonare cronica o un cancro.
  • Vaccino polisaccaridico pneumococcico (PPSV23). I bambini più grandi e gli adulti che hanno bisogno di protezione dai batteri pneumococcici possono ricevere questo vaccino. Il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie raccomanda il vaccino PPSV per tutti gli adulti di età superiore ai 65 anni, per giovani adulti e bambini di 2 anni e oltre che hanno un sistema immunitario debole o malattie croniche come malattie cardiache, diabete o anemia falciforme e per coloro che non avere una milza.
  • Vaccino contro il meningococco coniugato. Il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie raccomanda di somministrare una dose singola ai bambini di età compresa tra 11 e 12 anni, con un colpo di richiamo somministrato all’età di 16 anni. Se il vaccino viene somministrato per la prima volta tra i 13 ei 15 anni, il colpo di richiamo è raccomandato tra i 16 anni. e 18. Se il primo colpo viene somministrato all’età di 16 anni, non è necessario alcun richiamo.

    Questo vaccino può essere somministrato anche ai bambini più piccoli che sono ad alto rischio di meningite batterica o che sono stati esposti a qualcuno con la malattia. È approvato per l’uso in bambini di 9 mesi. Viene anche usato per vaccinare persone sane ma precedentemente non vaccinate che sono state esposte in epidemie.

Scritto da Antonio Di Feo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *